BLOG - NEWS | Associazione Mirada

mer

27

nov

2013

Cattive abitudini al Fargo di Ravenna

MARTEDÌ 3 DICEMBRE 2013 presentazione del libro a fumetti

Cattive Abitudini

di

Emidio Clementi Gianluca Costantini

ore 21.00 Fargo

via Girolamo Rossi RAVENNA

 

Martedì 3 dicembre alle ore 21 al Fargo in via Girolamo Rossi a Ravenna, gli autori Gianluca Costantini e Emidio Clementi presentano Cattive Abitudini, libro edito da GIUDA edizioni, risultato dell’inedita collaborazione tra i due autori che si muovono l’uno nel mondo della musica e della scrittura, l’altro tra arte e fumetto.

Entrambi insegnanti all’Accademia di Belle Arti di Bologna al corso “Linguaggi del fumetto” hanno iniziato a lavorare al progetto quasi per caso, immaginando di trasporre a fumetti i testi delle canzoni del leader dei Massimo Volume.

Cattive Abitudini ripercorre le dodici canzoni dell’omonimo album restituendo per immagini personaggi, atmosfere ed emozioni. Il risultato è quello che si potrebbe definire “un fumetto musicale” dove il segno grafico di Costantini crea un ritmo visivo che interpreta e restituisce l’espressione ritmica della composizione musicale.

La costruzione delle tavole a fumetti, si concede sospensioni e vuoti che creano uno spazio fatto di narrazioni e quadri elusivi.

Come l’album anche il libro stupisce nel ritmo, nel dettaglio e nel segno che cambia.

I testi di Emidio “Mimì” Clementi smettono di essere parte di una musica, che ciascuno potrà anche in qualche modo sussurrare, e si trasformano in parte integrale di un fumetto che racconta storie che forse abbiamo intuito, ma certo prima non avevamo visto.

 

Emidio Clementi è cantante e bassista dei Massimo Volume, oltre ad essere uno scrittore versatile. Ha pubblicato racconti e romanzi (tra cui Matilde e i suoi tre padri), e numerosi testi che si muovono tra poesia e performance.

Gianluca Costantini è un disegnatore e artista, curatore di mostre di fumetto e direttore artistico di numerosi progetti editoriali underground ormai storici, nonché ideatore del progetto G.I.U.D.A.. Ha pubblicato storie brevi in diverse lingue, Graphic Novel come Julian Assange, Cena con Gramsci e L’ammaestratore di Instabul.

0 Commenti

mer

27

nov

2013

"Alberico", il fumetto di Rocco Lombardi

di Emanuele Del Frate
su XL La Repubblica

 

Chi ama o si è trovato, anche solo accidentalmente, a frequentare luoghi legati al fumetto underground, non può non conoscere Rocco Lombardi. Legato da sempre alla cultura e al movimento punk, il suo tratto è stato ospitato da storiche riviste come Kerosene, Stripburger, Frigidaire, Inguine Mah!gazine, Ruggine. E ne ha fondata una, insieme al compagno d’avventure, Simone Lucciola (che firma l’illustrazione della rubrica Dark Side pubblicata su XL di novembre), altrettanto storica e altrettanto imprescindibile come Lamette. Ovvero, «la comic – production più rozza d’Italia sul punk e sulla cultura autodistruttiva degli sporchi giovani», come la presentano i due autori. Una rivista che è anche una webzine e un marchio con cui hanno realizzato numerose autoproduzioni. Dalle antologie, praticamente sold out, Guida illustrata al frastuono più atroce Vol. 1 e Vol.2  a Interrior di Akab, passando per la collana Fuori vena. Writer, illustratore, autore di cover per album, decoratore, alla ricerca di un «futuro bucolico» mentre si procura «un’ulcera tra i miasmi della civiltà», Rocco Lombardi è soprattutto un disegnatore e fumettista. Continua

0 Commenti

mer

27

nov

2013

Il beneficio dell'inventario allo ZUNI di Ferrara

dal 29.11.2013 al 12.1.2014
zuni, Via Ragno 15, Ferrara
www.zuni.it

 

I disegni di Liliana Salone sono un tentativo, di raccogliere, catalogare, accumulare, collezionare il mondo, quello conosciuto ma anche quello sconosciuto, oscuro, inesplorato. Lavora disegnando e ridisegnando elementi disparati il cui accostamento inusuale da vita a nuovi e inattesi significati.
I suoi disegni accomunando immagini reali a finzioni realistiche, danno vita ad universi paralleli, narrazioni oniriche. Nelle sue tavole ritroviamo oggetti di uso comune accanto a strumenti la cui funzione appare misteriosa, eppure possibile, carte geografiche di luoghi inesistenti, frammenti di vita di personaggi mai esistiti ma assolutamente probabili. Spesso le sue narrazioni si concludono in una tavola unica, come rebus i cui significati ci appaiono enigmatici e molteplici.

Liliana Salone nasce a Palermo. Ha studiato Architettura a Palermo e Fumetto e Illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Inizia disegnando architetture utopiche e suoi lavori sono selezionati per la Biennale di Architettura di Venezia e per il Progetto Impossibile di Parma. Dipinge quadri ad olio di grande formato e partecipa a numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero. I suoi disegni sono stati pubblicati sulle riviste “Orlando”, “Lo Straniero”, “Illyword” e “Hamelin”. Fa parte dei disegnatori del progetto G.I.U.D.A. Dopo aver trascorso un periodo a Londra, vive e lavora a Bologna.

Durante l’inaugurazione l’artista presenterà il suo nuovo libro “Il beneficio dell’inventario”.

0 Commenti

gio

21

nov

2013

Il Beneficio dell'Inventario allo spazio b**k

Sabato 30 novembre alle 18.30

Il beneficio dell’inventario, Giuda edizioni 2013 presentazione con gli autori.

Alla scoperta dei libri di Giuda edizioni, incontriamo Liliana Salone e Marco Lobietti per conoscere Il beneficio dell’inventario, una graphic novel irregolare e un gioco visivo, destabilizzante e poetico, che invita a scoprire la narrazione per immagini.

 

Via Porro Lambertenghi, 20
20159 Milano
Telefono: 02 8706 3126

www.spaziobk.com

0 Commenti

gio

21

nov

2013

Il Beneficio dell'Inventario alla libreria Didot

Libreria Didot via Passeri 34, Pesaro
Conversazione con Liliana Salone

a seguire inaugurazione mostra delle tavole originali

MOSTRA dal 22 al 28 novembre 2013
 

Un’isola lontana, un artista discusso e amato, disegni e documenti dal significato ambiguo che riemergono dopo anni di oblio. Ecco gli ingredienti che compongono il repertorio visivo creato da Liliana Salone per questo irregolare graphic novel, costruito come un gioco visivo di esplorazione e scoperta, percorrendo il filo sottile del realismo scientifico e dell’immaginazione romantica. Venerdì 22 novembre alle ore 17 presso la Libreria DIDOT, in Via Passeri 34, Pesaro, l’autrice Liliana Salone presenta il volume Il Beneficio dell’Inventario (GIUDA edizioni, Ravenna 2013), con la partecipazione di Marco Lobietti (GIUDA edizioni). A seguire dalle ore 18 il pubblico è invitato all’inaugurazione della mostra delle tavole originali. L’esposizione continua fino a Venerdì 28 novembre.

0 Commenti

mar

19

nov

2013

Videoconferenza al Alpacha Distro di Roma

 

Videoconferenza  con l'autore Ciro Fanelli, moderato da Marta Rissa allo spazio Alpacha Distro ShowRoom dalle 19.00 di Domenica 24 novembre.
Presentazione del nuovo libro edito da GIUDA edizioni Live Freud Die Jung.

 

Alphaca Distro c/o Forte Fanfulla, Via Fanfulla da Lodi, 5 Roma

 

http://alpachadistro.blogspot.it

 

0 Commenti

dom

17

nov

2013

Liliana Salone, Il beneficio dell’inventario

di Silvia Geroldi

 

Caspar David Friedrich è il pittore tedesco che ha dipinto uno dei soggetti-simbolo del romanticismo: un piccolo uomo solo di fronte alla grandiosità incontenibile della natura. Muore nel 1840. Agli inizi del novecento, il funzionario Vasily Zhukovsky è inviato sull’isola di Greifswalder nel mar Baltico per redigere l’inventario dei beni lasciati da Friedrich al fine di determinarne il valore e procedere alle pratiche di successione ereditaria. Si tratta di una collezione di oggetti di varia natura, catalogati senza una logica apparente. Il libro (graphic novel? si può definire così?) consiste nell’alternarsi delle lettere di Zhukovsky – nostalgico, disorientato, frustrato dal fatto di non trovare una logica che spieghi il senso della collezione – alle trentasei tavole illustrate da Liliana Salone, affascinanti e criptiche. Continua

0 Commenti

ven

15

nov

2013

Note a margine di Alberico

di Ivano Porpora

su La Nottola di Minerva

 

Ci sono storie che hanno nella lunghezza la loro bellezza. Personalmente conto sulle dita di una mano di un addetto alla sega circolare libri che abbia letto e amato, e superino il valore magico mille; It, però, rimane la pietra miliare di quei romanzi in cui mi persi. (E mi ha cambiato anche la vita, ma di questo qui non si parlerà). Poco dietro, ma sotto quel limite definito, L’idiota e diversi altri; e, attorno alle 250-300, invece, il panorama s’affolla.

Guardo invece sempre con sospetto quei libelli – già il termine, libelli, pare avvicinarli agli opuscoli in fondo – che stanno sotto le 100 pagine (e pure Il persecutore di Cortázar, per dire, conta settantacinque pagine e per noi due recensioni: una di Andrea Ponso, qui, e una mia qui).

Alberico di pagine ne ha una quarantina. Eppure, ecco, eppure Alberico ce l’ho in ebook, e scopro di volerlo pure in carta. continua

Ci sono storie che hanno nella lunghezza la loro bellezza. Personalmente conto sulle dita di una mano di un addetto alla sega circolare libri che abbia letto e amato, e superino il valore magico mille; It, però, rimane la pietra miliare di quei romanzi in cui mi persi. (E mi ha cambiato anche la vita, ma di questo qui non si parlerà). Poco dietro, ma sotto quel limite definito, L’idiota e diversi altri; e, attorno alle 250-300, invece, il panorama s’affolla.
Guardo invece sempre con sospetto quei libelli – già il termine, libelli, pare avvicinarli agli opuscoli in fondo – che stanno sotto le 100 pagine (e pure Il persecutore di Cortázar, per dire, conta settantacinque pagine e per noi due recensioni: una di Andrea Ponso, qui, e una mia qui).
Alberico di pagine ne ha una quarantina. Eppure, ecco, eppure Alberico ce l’ho in ebook, e scopro di volerlo pure in carta. - See more at: http://www.nottola.it/fumetto/note-a-margine-di-alberico/#sthash.ljMfjUV3.dpuf
0 Commenti

ven

15

nov

2013

Bronson Drawings su Rolling Stone

Ritratti che suonano benissimo

 

Gianluca Costantini, disegnatore e autore di importanti fumetti di impegno civile, è anche espertone di musica. Esce in questi giorni un libro che raccoglie i suoi lavori dedicati a musicisti. RS ve ne propone alcuni.

Se frequentate questo sito Gianluca Costantini lo conoscete già perché ha disegnato, pezzo per pezzo, canzone per canzone, “Cattive abitudini”, il penultimo album dei Massimo Volume. RS vi aveva proposto la sua visione a fumetti di La Bellezza Violata. Il link tra Costantini e la musica è però questione di vecchia data.

 

Continua

0 Commenti

ven

08

nov

2013

BRONSON drawings presentazione al FARGO, Ravenna

DOMENICA 10 NOVEMBRE 2013 presentazione del libro

BRONSON drawings

ore 18.00 Fargo

via Girolamo Rossi RAVENNA

 

Domenica 10 novembre alle ore 18 al Fargo in via Girolamo Rossi a Ravenna, Gianluca Costantini, Chris Angiolini, Arturo Compagnoni e Sabina Ghinassi presentano Bronson drawings, libro edito da GIUDA edizioni, che raccoglie i disegni di bands e musicisti realizzati dal disegnatore e fumettista Gianluca Costantini.

Una straordinaria galleria che ritrae personaggi ed interpreti della scena musicale internazionale in cui nomi noti si alternano ad altri probabilmente meno conosciuti al grande pubblico, ma fondamentali per interpretare le molteplici sfumature della musica contemporanea che hanno attraversato il palco del Bronson, diventato una delle realtà musicali più note e apprezzate a livello nazionale e internazionale e che proprio quest'anno festeggia i primi 10 anni di attività. Costantini modula e reinventa il proprio tratto grafico confrontandosi con la personalità di cantanti e musicisti e restituendo in ogni pagina un'invenzione visiva sorprendente.

Il libro è frutto di un lavoro nato quasi per caso, ma non casuale vista l'amicizia e la collaborazione che da anni lega Gianluca Costantini e Chris Angiolini, entrambi protagonisti, fin da ragazzi, della scena artistica e musicale ravennate.

Info: Bronson Produzioni | GIUDA edizioni | Anteprima sfogliabile Link

0 Commenti

ven

08

nov

2013

Cattive Abitudini su Fumettologica

 

Emidio Clementi, cantante e bassista dei Massimo Volume, e Gianluca Costantini, disegnatore e ideatore dell’etichetta editoriale G.I.U.D.A. insegnano entrambi all’Accademia di Belle Arti di Ravenna. Il primo Scrittura creativa, il secondo Arte del fumetto. Dalla loro collaborazione è nato Cattive Abitudini, libro che illustra attraverso il fumetto i testi delle canzoni dell’omonimo album dei Massimo Volume, uscito nel 2010. Una “prima volta” col fumetto, per la storica band bolognese, che proprio di recente si è affiancata a un’altra collaborazione nella stessa direzione: la regia del nuovo videoclip La Cena, tratto dall’album appena uscito Aspettando i barbari, è stata realizzata da Gipi.

Continua

 

0 Commenti

ven

08

nov

2013

Rocco Lombardi presenta Alberico

di Giada Paterie

su Sherwood

 

Rocco Lombardi torna a pubblicare con Giuda Edizioni. Nel 2011 usciva infatti “Campana”, biografia del poeta oscuro Dino Campana scritta e disegnata insieme a Simone Lucciola, un'opera complessa e completa anche dal punto di vista della ricerca filologica svolta dagli autori prima della stesura, capace di riprodurre nello stile e nell'alternanza dei tratti dei due autori l'oscillazione psicologica che caratterizzò il genio del poeta e il destino dell'uomo Campana, e di cui potete leggere una recensione e un'intervista a 3 voci, condotte sempre dalla sottoscritta. Continua

0 Commenti

sab

26

ott

2013

Cattive Abitudini su Sentireascoltare

di Fabrizio Zampighi

 

Cattive Abitudini è una sorta di graphic novel, in cui i testi dell’omonimo disco dei Massimo Volume diventano “sceneggiatura e dialoghi” per le tavole di Gianluca Costantini (disegnatore e blogger ravennate). Si parla di una comunanza di intenti tra gli autori che viaggia su un binario dell’immaginazione fatto di suggestioni, di intuizioni impalpabili, di scenari onirici e dai contorni volutamente indefiniti, ma soprattutto di colori. Da un lato, le parole di Emidio Clementi – forse tra le cose migliori mai scritte dal front man della band bolognese – guadagnano, separate dalla musica e calate nei disegni, la giusta dimensione poetica e letteraria, rivelando in questo contesto ancor più forza evocativa; dall’altro, i disegni di Costantini rinunciano a soggettivare troppo la materia, a legarla strettamente all’interpretazione dell’autore, lasciando invece a chi guarda il compito di unire i puntini e di cogliere i significati. Lo scorrere delle pagine è un flusso inarrestabile, una nebbia fatta di rosso, ocra, azzurro, verde, bianco che ha a che fare con l’Es freudiano, più che con la razionalità e il controllo di un Super Io da comic book classico. Continua

0 Commenti

sab

26

ott

2013

Cattive Abitudini su Musicletter

 

Cattive abitudini è il titolo del quinto album dei Massimo Volume che si trasforma grazie alla matita di Gianluca Costantini da traccia sonora a traccia disegnata. Sono dodici canzoni che raccontano storie di personaggi ossessionati da peccati quotidiani, ai bordi del nazionale varietà, ai bordi della storia narrata dalla plagiata umanità, ai bordi di un letto in una stanza a cui non bussa nessuno. Continua

 

Blog indipendente di informazione musicale e culturale

0 Commenti

lun

21

ott

2013

Gli oggetti che racchiudono i segreti dell'inconscio

di Alberto Sebastiani

su la Repubblica SERA
www.repubblica.it

 

Trama. È pericoloso, a volte, entrare nelle officine, nei cassetti segreti, nelle stanze private di artisti importan- ti. Si possono scoprire cose indecifrabili. Come la colle- zione surreale (non in senso metaforico) appartenuta a Caspar David Friedrich, il pittore tedesco (1774-1840) che coi suoi paesaggi ha mostrato l’immensità della natura e la piccolezza inquieta dell’uomo di fronte ad essa. Ma quando all’inizio del Novecento Vasily Zhukovsky è mandato sull’isola di Greifswalder - nel mar Baltico, lungo le coste tedesche - incaricato di regi- strare, classificare, redigere l’inventario degli oggetti custoditi nelle sue stanze, la sua collezione privata, si trova di fronte a cose estremamente differenziate, curio- se, incredibili, distribuite nei cassetti e negli spazi della casa in maniera meticolosa, ma secondo una cataloga- zione e una sistemazione del tutto incomprensibile, in teche che sembrano rebus. Una “wunderkammer” con documenti, carte geografiche, reperti archeologici, monili, unguenti e veleni, ritratti, arnesi per la fabbrica- zione di bauli e valigie, ex voto. Zhukovsky descrive la sua impotenza in alcune lettere, mentre quegli oggetti sono lì che ci interrogano ancora oggi. E il libro di Liliana Salone, Il beneficio dell’inventario (Giuda edizio- ni), alterna le lettere dell’inviato disperato a disegni che riproducono quei “rebus”, con tanto di indice analitico finale.

Stile. I disegni a matita di Liliana Salone costruiscono in 36 tavole illustrate l’intero catalogo dei reperti, una rap- presentazione frontale, come dipinti, o come curiose e inquietanti carte dei tarocchi che raccontano una storia da decifrare. Viene da pensare che non a caso appaia la carta della Papessa, in questo catalogo, cioè la figura della conoscenza segreta femminile. E anche se nei disegni di Il beneficio dell’inventario la Salone sembra restare scientifica, come Zhukovsky, questa riproduzio- ne frontale è una riscrittura che offre appunto 36 fram- menti di storie che scuotono, un po’ come le collezioni surrealiste, come la stanza di André Breton, che stupi- sce e suggerisce associazioni esplosive. Per l’incon- scio.

Pregi e difetti. Le esplosioni delle associazioni dell’in- conscio possono essere benefiche, e da qui forse «il beneficio» dell’inventario, che però può anche essere inteso nell’accezione che prevede il Codice Civile di fronte a un’eredità, che una persona accetta ma non vuole sia confusa con il suo patrimonio personale. Un altro rompicapo, che arricchisce un volume che può piacere per i disegni curati, che può incuriosire per la storia a cui allude (più che narra), ma che diventa dav- vero interessante se indagato senza beneficio d’inven- tario.

0 Commenti

lun

21

ott

2013

Benificio dell'inventario su Doppiozero

 

Da tempo Balloon aspettava il libro giusto da cui prendere il volo. Finalmente un’illuminazione: Il beneficio dell’inventario di Giuda, “Geographical Institute of Unconventional Drawings Arts”, casa editrice di Ravenna nata del 2011 per “indagare il tradimento delle immagini” attraverso fumetto, illustrazione, poesia e critica d’arte.

continua

 

0 Commenti

dom

20

ott

2013

Cattive Abitudini su Rumore

Cattive Abitudini dei Massimo Volume diventa un fumetto
su RUMORE

Seguo la musica dei Massimo Volume da circa 20 anni, le parole di Emidio mi sono sempre piaciute ed emozionato. In questi ultimi anni abbiamo lavorato insieme all’Accademia di Belle Arti di Bologna dove insegniamo nel corso “Linguaggi del fumetto“. Ci siamo conosciuti e piaciuti. L’idea di immaginare Cattive Abitudini è avvenuta quasi per caso, e per quanto mi riguarda è il disco più visionario dei Massimo Volume: è stata una bella sfida renderlo visibile. Il mio intento era fare un fumetto musicale, che rispettasse i tempi della canzone. Continua

0 Commenti

dom

06

ott

2013

Comix Remix Part II

by Marcos Farrajota

 

In Italy, the magazine GIUDA came out (4 issues, 2009-12), with the same team that published Inguine mah!gazine. Elettra Stamboulis explains us what this new project is: we wanted to work as an avant-garde of the beginning of the last century: the graphic design reminds this, in particular Vienna’s Secessionist. Using automatism, aestheticism, casualty. We were coming from [the Komikaze Festival] year of mapping alternative forms of drawing from all over the world and we wanted to produce something completely different. Also, themes are always connected to a geographical representation: a place is always the centre of the story, drawn in a different way that traditional Geography, but it’s always Geography. From this idea came also the name Geographical Institute of Unconventional Drawing Art. What distinguishes the project from other comics publications is that in each issue there is always a comic with a text written by a person (the first three were by Stamboulis, the fourth by Marco Lobietti) and illustrated by various artists, reminding the experiences of Joe Meek’s comic in Twilight Jamming. Stamboulis explains: There is a huge work of research behind the texts and the images, but there’s always an idea of fate and strategies that are coming from OULIPO experiences in literature. It’s a script with very few indications divided already in squares. Every artist has his/her text to do, and can read all the story, but cannot see what the others are drawing. Sometimes the process gets complicated because there are also some complete pages that are connected to the general story, but they are written and drawn by the artists. Those pages are a kind of subtitle of elements of the main story and they become short stories itself. In the end Gianluca Costantini collects all the drawings and he puts them in the page. With a sort of magic powder of fortune, every time it works as if everything had been perfectly arranged.

KUTI29 Autumn 2013

 

Artists in this number: Alessandro Ripane (ITA),Tommi Ollikainen (FIN), Aapo Rapi &Petriina Koivunen (FIN), Roope Eronen (FIN), Heikki Rönkkö (FIN), Kari Sihvonen (FIN),Søren Mosdal (DEN), Robert Deutsch (GER),Sami Aho (FIN) and Celine De Cadt (BEL). Cover by Heta Bilaletdin, 24 pages in all.

Features an article Comics Remix 2 - second part by Marcos Farrajota. Edited by Sami Aho.

 

Edition of 7 000 pcs. DOWNLOAD KUTI29 AS PDF

0 Commenti

mer

02

ott

2013

Cattive Abitudini su Rolling Stone

“Cattive abitudini”: dalla musica al fumetto

 

 Il penultimo disco dei Massimo Volume diventa una graphic novel firmata da Gianluca Costantini, in uscita il 12 ottobre. "RS" vi propone un'anteprima...

Di Franco Capacchione

 

Oggi esce il nuovo lavoro dei Massimo Volume, Aspettando i barbari. Materiale infiammabile come lo è sempre stata la loro musica. Il prossimo 12 ottobre sarà, invece, in libreria la versione “disegnata” di Cattive Abitudini (GIUDA edizioni, pp. 84, euro 15), il loro album del 2010, il disco che ha sancito il gran ritorno, dopo una lunga pausa, di uno dei gruppi fondamentali della musica italiana e non solo. Nel libro, ogni canzone diventa un racconto per immagini, con stili e colori diversi, tenui o accesi, a sottolineare i diversi stati emotivi, le tensioni e i languori dietro a ogni traccia dell’album. La rappresentazione visiva di musica e parole è opera di Gianluca Costantini, autore, disegnatore, blogger, conosciuto e amato anche per i suoi political comics, fumetti-biografie di personalità fondamentali dei nostri tempi, pubblicati da Becco Giallo: uno dedicato a Gramsci, l’altro a Julian Assange, fondatore di Wikileaks. RS vi propone in anteprima La bellezza violata, uno dei pezzi forti di Cattive Abitudini, rivisto dalla matita di Costantini che è anche curatore (con Elettra Stamboulis) di Komikazen, il festival internazionale del fumetto di realtà che si tiene ogni anno a Ravenna (l’edizione 2013, dall’11 al 13 ottobre). Continua

0 Commenti

mar

01

ott

2013

Incontro con Liliana Salone alla Libreria Modo infoshop

Un’isola lontana, un artista discusso e amato, disegni e documenti dal significato ambiguo che riemergono dopo anni di oblio. Ecco gli ingredienti che compongono il repertorio visivo creato da Liliana Salone per questo irregolare graphic novel, costruito come un gioco visivo di esplorazione e scoperta, percorrendo il filo sottile del realismo scientifico e dell’immaginazione romantica.

 

Mercoledì 9 ottobre alle ore 19 presso la Libreria Modo Info Shop, in Via Mascarella 24/b Bologna, l’autrice Liliana Salone presenta il volume Il Beneficio dell’Inventario (GIUDA edizioni, Ravenna 2013), con la partecipazione di Marco Lobietti (GIUDA edizioni).

 

IL LIBRO

Ritrovato dopo anni di oblio, “Il Libro di Inventario della Collezione Friedrich” fu redatto nei primi anni del Novecento per catalogare e stimare il valore dei beni appartenuti al pittore più celebre del romanticismo tedesco, Caspar D. Freidrich. Stravagante collezionista, l’artista raccolse e organizzò una personale wunderkammer nella residenza di Greifwalder Oie. Compongono l’inventario innumerevoli oggetti e enigmatici documenti: frammenti di carte geografiche, piante officinali, reperti archeologici, miniature e monili, unguenti e veleni, ritratti di amici, nemici e sconosciuti. Tutti collocati con minuziosa perizia in teche di legno, le raccolte appaiono come rebus indecifrabili, capitoli di una personale enciclopedia in cui si intrecciano memoria personale e ricerca storica. Liliana Salone ricostruisce con disegni a matita, dettagliati e al contempo sintetici, in 36 tavole illustrate l’intero catalogo dei reperti, riaccendendo con malinconica fascinazione il ricordo delle cose perdute.

 

INFO/BIO

 

Liliana Salone nasce a Palermo. Ha studiato Architettura a Palermo e Fumetto e Illustrazione all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Inizia come disegnatrice di architetture utopiche e suoi lavori sono selezionati per la Biennale di Architettura di Venezia e per il Progetto Impossibile di Parma. Dipinge quadri ad olio di grande formato e partecipa a numerose mostre personali e collettive in Italia e all’estero. I suoi disegni sono stati pubblicati sulle riviste “Lo Straniero”, “Illyword” e “Hamelin”. Fa parte dei disegnatori del progetto G.I.U.D.A. Dopo aver trascorso un periodo a Londra, da dieci anni vive e lavora a Bologna.

0 Commenti

lun

30

set

2013

MIGLIOR DISEGNATORE ITALIANO Rocco Lombardi su “Alberico” (Giuda Edizioni)

 

MIGLIOR DISEGNATORE ITALIANO
Rocco Lombardi su “Alberico”
(Giuda Edizioni)

 

http://www.trevisocomicbookfestival.it/2013/tcbf13-tutti-i-premi/

0 Commenti

lun

30

set

2013

La ballata di Alberico che vuol fermare il cemento

 

di Alberto Sebastiani

su la Repubblica SERA
www.repubblica.it

0 Commenti

dom

04

ago

2013

Egitto. Di graphic novel e rivoluzione

 

di  Valentina Marconi su Osservatorio Iraq

Un Egitto "altro" rispetto ai resort frequentati dai turisti occidentali: quello di Elettra Stamboulis è un "Egitto senza piramidi", tra storie di vita e fumetti che fotografano un paese alle soglie di un importante cambiamento. 

 

Quello di Elettra Stamboulis è un "Egitto senza piramidi: Storie e vita a fumetti dell'Egitto contemporaneo", un volumetto edito dalla casa editrice Geographical Institute of Unconventional Drawing Arts (altrimenti detta G.I.U.D.A.) nel 2011, dove l’autrice s'interroga sin dalla prima pagina sul significato intellettuale di due graphic novel ambientate al Cairo.

La prima è "Metro" di Magdi Shafee, mentre la seconda è "Cairo Blues" del pugliese Pino Creanza. In entrambi in casi, a fare da protagonista è la vita quotidiana dell'affollatissima capitale egiziana, con tutte le sue peculiarità.

 

Continua

0 Commenti

dom

04

ago

2013

Beneficio dell'inventario di Liliana Salone su Lo Straniero

 

Sul numero  di Agosto/Settembre 2013 – N.158/159 de LO STRANIERO
i disegni tratti da "Il beneficio dell'inventario" di Liliana Salone.

 

Lo straniero è una rivista mensile nata a Roma nel 1997, fondata e diretta da Goffredo Fofi con un nutrito gruppo di collaboratori.

www.lostraniero.net

 

0 Commenti

ven

14

giu

2013

(IN)EDITO – Festival dentro l’editoria

 

GIUDA edizioni partecipa a (in)EDITO il Festival dentro l'editoria dal 14 al 16 giugno 2013

 

Ciò che ci ha interessato sin dall’inizio non era l’idea di creare uno spazio espositivo per le case editrici indipendenti, ma di riflettere sulle relazioni tra tutti soggetti della filiera editoriale, in connessione con alcune delle trasformazioni che riguardano il mondo del libro, ma che rispecchiano altri e più trasversali cambiamenti.

Abbiamo dato concretezza a questo desiderio organizzando una tre giorni all’interno della quale, accanto agli stand espositivi di oltre 20 case editrici, si alternereanno presentazioni di libri, mostre, reading musicali,  workshop e dibattiti. Questi ultimi — sotto forma di tavole rotonde — saranno il cuore del festival e affronteranno i temi che ci sono sembrati centrali nell’articolare un discorso sull’editoria che mettesse in dialogo non solo gli addetti ai lavori, ma coinvolgesse anche con tutti coloro che, di libri, si interessano per passione. Parleremo del rapporto tra editoria e tecnologia, in relazione ai nuovi strumenti che stanno prendendo piede sul mercato e nella nostra vita quotidiana (ebook, kindle, vendita online,…); delle forme di lavoro nel mercato dell’editoria, svelando le ombre di un mondo sconosciuto a tanti lettori; ed infine, discuteremo del mestiere dell’editore: di come e quale impatto abbiano le scelte editoriali sull’offerta culturale e sulla creazione di immaginari, e di come la passione per le idee possa declinarsi per non cedere il campo alle logiche stringenti del mercato. Approfondisci Link

0 Commenti

dom

12

mag

2013

Gianluca Costantini a Fèsta13

 

Domenica 12 ore 18.00 @ Palazzo Rava in occasione di #Fèsta (Ravenna, 9 – 12 maggio 2013), Gianluca Costantini dialoga con Chiara Lagani su G.I.U.D.A. e il progetto editoriale GIUDAedizioni. 

G.I.U.D.A. indaga il tradimento delle immagini. Lo fa usando il disegno in forma intensiva, cartografando il dicibile e il rappresentabile. Si pone come uno spazio programmato di ricerca visiva e di estetica. Insegue i luoghi sulle cartine, sapendo che la mappa non è il territorio, ma è una sua rappresentazione e che a partire dalla cartografia si stabilisce il nostro posto sul mondo e lo spazio che a livello simbolico occupiamo.

Gianluca Costantini è un disegnatore e artista visivo che indaga il reale da più di 15 anni. Insegna Arte del Fumetto all’Accademia di Belle Arti di Bologna. Ha pubblicato Graphic Novel e storie brevi in molte lingue. I suoi disegni sono stati esposti al Salon du dessin contemporain al Louvre.

 

Approfondisci Link

0 Commenti

Mostre in affitto | Editing libri | Affitto spazio espositivo | Vendita opere